Articolo tratto dalla rivista “Tecniche nuove”:

 

L’attuale vicenda software di Lastra si sviluppa nella logica di Baan Metal Solution e ne rappresenta un esempio pratico di realizzazione applicativa.
Con sede a Ravenna, Lastra è un’azienda che si occupa della lavorazione lamiera conto terzi.
“Le motivazioni che hanno portato alla scelta BMS da parte di Lastra”, spiega Andrea Antonioli, Direttore Generale dell’azienda, “sono riconducibili alla prospettiva di un sistema presente a 360 gradi sulle tematiche aziendali, in grado di supportarne in ogni istante e in modo completo la gestione giornaliera, nella dinamica di un cambiamento costantemente in atto sotto il profilo tecnologico”.
“Si tratta” continua Antonioli, “di un cammino congiunto con i partner tecnologici che Lastra ha scelto, verso il comune obiettivo di un sistema aziendale integrato”.
La risposta al concetto d’integrazione viene fornita dall’effettiva interconnessione funzionale e architetturale fra soluzioni software consolidate a livello internazionale, dalla rilevazione dati alla gestione delle tecnologie progettuali e produttive.
“Fra i risultati finora conseguiti”, conclude Antonioli, “possiamo certamente citare una sensibile riduzione dei tempi d’attesa fra l’acquisizione degli ordini e la produzione dei pezzi, con un approccio operativo che presenta evidenti caratteristiche di semplicità sia a livello d’apprendimento che d’utilizzo”.
Occorre sottolineare, a tale proposito, che la varietà di particolari, anche se provenienti da commesse diverse, può essere fatta confluire in un’unica operazione di nesting, grazie alla quale vengono ridotti sia i tempi operativi che gli sfridi di lavorazione.
“Ne deriva, pertanto, una flessibilità intrinseca dell’intero sistema produttivo”.

Giovanni Albertario